immagine
 Una girandola vorticante... di stefano
Sempre devi avere in mente Itaca
- raggiungerla sia il pensiero costante.
Soprattutto, non affrettare il viaggio;
fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio
metta piede sull'isola, tu, ricco
dei tesori accumulati per strada
senza aspettarti ricchezze da Itaca.

Costantino Kavafis
 
\\ Home Page : storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di stefano del 23/12/2005 @ 13:37:00, in pensieri sparsi, letto 926 volte
Vista l'assoluta mancanza di richieste in tal senso, e con l'aiuto del noto giornale scientifico SPY Magazine (Gennaio 1990), sono lieto di presentare l'annuale inchiesta scientifica su Babbo Natale.

1)Nessuna specie conosciuta di renne può volare. MA ci sono 300.000 specie di organismi viventi ancora da classificare. benché la maggior parte di questi siano insetti o germi, ciò non esclude COMPLETAMENTE la possibilità che esistano renne volanti, che solo Babbo Natale sembra aver visto.

2)Ci sono due miliardi di ragazzi (persone sotto i 18 anni) nel mondo. Tuttavia, dato che (sembra che) Babbo Natale non visiti ragazzi Musulmani, Indù, Ebrei e Buddisti, questo riduce il lavoro al 15% del totale - 378 milioni, secondo L'ufficio per le Popolazioni. Ad una media (censita) di 3.5 per abitazione, sono 91,8 milioni di case. Si presume che ci sia almeno un bravo ragazzo in ogni casa.

3)Grazie ai fusi orari e alla rotazione della Terra, Babbo Natale ha 31 ore disponibili per il suo lavoro, assumendo, come sembra logico, che viaggi da est ad ovest. Questo comporta 822.6 visite per secondo. Cio' significa che, per casa di cristiani con almeno un bravo ragazzo, Babbo Natale ha 1/1000 di secondo per parcheggiare, saltare fuori dalla slitta, scendere per il camino, riempire le calze, mettere i regali sotto l'albero, mangiare qualsiasi cosa sia stata lasciata, risalire per il camino, balzare sulla slitta e dirigersi alla casa successiva. Dando per scontato che ciascuna di queste 91.8 milioni di fermate sia distribuita omogeneamente sulla Terra (cosa che sappiamo non essere vera, ma che per amore di calcolo assumiamo come vera), stiamo parlando di una media di .78 miglia per casa (circa 1,154 km), e di un viaggio totale di 75,5 milioni di miglia (112 Milioni di Km), senza contare le fermate per fare quello che la maggior parte di noi fa almeno una volta ogni 31 ore, più il cibo, etc. Questo implica che la slitta di Babbo Natale si muove a 650 miglia al secondo (962km/sec), 3.000 volte la velocità del suono. A titolo indicativo, il più veloce veicolo dell'uomo, la sonda spaziale Ulisse, viaggia alla misera velocità di 27,4 miglia/sec. (40,5 km/sec). Una renna normale può raggiungere al massimo 15 miglia all'ora (22km/ora).

4)Il carico della slitta assume un altro elemento interessante. Assunto che per ogni bambino non ottenga nulla di più che un Lego medio (2 libbre, circa 900 grammi) la slitta trasporta 321.300 tonnellate, senza contare Babbo Natale stesso, che e' sempre descritto sovrappeso. Su terreno, una renna convenzionale può trainare 300 Libbre (136 Kg.). Anche accettando l'ipotesi che le "renne volanti" (vedere punto (1)) possano trainare un peso DIECI VOLTE superiore a quello di una renna normale, non ci basteranno otto renne, e neppure nove. Abbiamo bisogno di 214.200 renne. Questo incrementa il peso lordo a 353.400 tonnellate - senza contare la slitta!. Ancora, a titolo di comparazione, questo e' quattro volte il peso della Queen Elizabeth.

5)353.000 tonnellate che viaggiano a 650 miglia al secondo creano un enorme attrito con l'atmosfera - questo provocherà il riscaldamento delle renne nella stessa misura di un'astronave al rientro nell'atmosfera. La prima coppia di renne assorbirà 14.3 QUINTILIONI di joules di energia. Al secondo. per ciascuna. In breve, si volatilizzeranno praticamente all'istante, esponendo le renne alle loro spalle e creando un'assordante bang supersonico nella loro scia. L'intero gruppo di renne verrà vaporizzato in 4,26 millesimi di secondo. Babbo Natale, contemporaneamente, sarà soggetto a forze centrifughe pari a 17.500,06gravita'.Un Babbo Natale di 250 Libbre (113kg.) (che sembrerebbe comicamente magro) sarebbe inchiodato al fondo della slitta da una forza di 4.315.015 libbre (1.957.420 Kg.).

6)In conclusione se Babbo Natale ha mai tentato di consegnare regali alla vigilia di Natale, ora e' morto.
articolo (p)link   storico storico  stampa stampa
 
di stefano del 19/12/2005 @ 16:08:00, in pensieri sparsi, letto 899 volte
Sono numerose le tradizioni magico-cabaliste in cui la parola è intrisa di potere. Basterebbe citare il golem di Rabbi Juda Lew, che si animava quando le sillabe del nome Adamo venivano incise sulla sua fronte, oppure il folletto di origine celtica che si poteva scacciare solo conoscendo il vero nome.

Il vero nome è l'essenza della cosa. Non è una questione etimologica, ma magica. Anche il nome delle città è legato ad un antico nume tutelare, così come il nome dei luoghi e delle persone.

Questa breve riflessione, che in realtà richiederebbe una ben più lunga - e affascinante disanima - me l'ha data una notizia uscita alcuni giorni fa sul sito di The Moscow Time:

"Il nuovo parlemento ceceno ha chiesto al Cremlino l'autorizzazione a cambiare il nome della capitale Grozny in Akhmad-Kala, in onore di Akhmad Kadirov, l'ex presidente filorusso ucciso in un attentato nel maggio del 2004. Secondo i deputati il nome Grozny, che significa "terribile", è legato ai momenti più drammatici della storia cecena".


I nomi delle città cambiano nel corso dei secoli, alcuni evolvono il proprio gruppo di lettere, vocali e consonanti, altre lo cambiano per celebrare una rinascita, una conquista od un cambiamento di cultura, come ad esempio l'antica Bononia celtica, che nelle mani degli etruschi si chiamava Felsina. Oppure Maleventum chiamata poi Beneventum per celebrare la vittoria romana contro Pirro, Sanpietroburgo (nel periodo di influenza della cultura tedesca), o Pietrogrado, o, nel periodo del comunismo, Leningrado.

Fine della breve lista, o si rischia di non smettere più. Anzi, lanciamo una collaborazione, tanto per i 5 lettori abituali del sito, quanto per gli occasionali: segnate nei commenti eventuali altri nomi di città che hanno cambiato nome e, se la sapete, l'origine. Dai più banali ai più particolari.
articolo (p)link   storico storico  stampa stampa
 
di stefano del 09/12/2005 @ 16:59:00, in pensieri sparsi, letto 878 volte
E' appena passato in televisione uno sceneggiato sulla vita e sulle battaglie di Giulio Cesare e sulla congiura ordita dai senatori, capeggiati da Cassio, per ucciderlo durante le idi di marzo.

Ne ho visti di peggio, non era realizzato male. Tutto incentrato -ovviamente- su Cesare, io non riuscivo a staccare gli occhi da Bruto, il personaggio più umano e interessante.

E subito, dal primo istante, prima ancora della storia e dei ricordi delle lezioni universitarie mi sono balzate in mente le parole di Shakespeare, le frasi adulatorie e tentatrici con cui Cassio porta Bruto tra i congiurati e che, nello stesso tempo, sono un meraviglioso inno all'uguaglianza. Sono andato immediatamente a rileggerle.

atto primo scena II

Cassio discorre con Bruto di Cesare

"Egli è un colosso che tien sotto i suoi piedi questo angusto mondo, e noi, piccoli mortali, noi ci muoviamo sotto le sue gigantesche gambe volgendo intorno lo sguardo per trovare una tomba senza gloria. Ma vi sono età nelle quali gli uomini diventano arbitri dei propri destini. Se siamo schiavi la colpa è nostra, Bruto, non delle nostre stelle. Bruto! Cesare! Che vi è dunque in questo nome di Cesare? Perché deve essere pronunciato con maggiore solennità del tuo? Scrivili l'uno presso l'altro e il tuo non perderà nel confronto. Pronunciali entrambi: il tuo è egualmente sonoro. Ponili sulla bilancia, avran peso uguale, gli spiriti evocati da questi nomi si mostreranno così al suono di Bruto, come a quello di Cesare. Ora in nome di tutti gli dei, di quale sostanza si pasce questo Cesare per essere venuto a tanta altezza?..."
articolo (p)link   storico storico  stampa stampa
 
Pagine: 1

Wikio

Condividi

ci sono 88 persone collegate

< luglio 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           


Lungo.il.Po

Tutte le tappe del viaggio in barca dal delta del grande fiume sino ad isola Serafini (comprese le lezioni di navigazione e gli incontri)

ritorno sul luogo del delitto! (19.6.07)
il tassello mancante (25.10.07)
la terra trema
la terra ha tremato
Popopopopopopo

Po.Link

l'articolo su Espresso-Repubblica (con appendice fotografica)
l'audio dei nostri interventi a La Terra Trema
il libro

Po.Flickr
Le foto del viaggio sul Po. Vai direttamente alla pagina cliccando qui. Sotto una preview dello slideshow


Cerca per parola chiave
 

Titolo
appuntamenti (16)
autoreferenziale (14)
cinema (4)
cyberpunk qui e ora! (5)
ghiottonerie (18)
giornalismi (56)
in citta' (7)
lavoro lavori (1)
occhiate (2)
pensieri sparsi (46)
recensioni (6)
spot (1)
viaggi (53)
webwebweb (14)

Catalogati per mese:
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017

Gli interventi pił cliccati

Ultimi commenti:
According to my anal...
17/03/2011 @ 01:52:28
di NataliaHenson29
The true gentle conn...
09/12/2010 @ 03:43:44
di air yeezy
Ciao...ciao...anch'i...
05/12/2010 @ 15:52:54
di daniela
Don't have cash to b...
02/12/2010 @ 07:23:57
di SweetJordan
Egrgio, sono un gior...
19/10/2010 @ 12:01:38
di marco palumbo

Titolo
occhiate (6)
ritratti (12)

Le fotografie pił cliccate

Titolo
in questo momento

ascolto...
Food in my belly (Xavier Rudd)
Sufjan Steven
Athena
Dianogah

leggo...
Il Milione, Marco Polo,
Armi, Acciaio, Malattie, Jared Diamond
La nascita della tragedia
Friedrich Nietzsche

guardo...
Flying Circus, Monty Python
Il cielo sopra Berlino, Wim Wenders
Blade Runner (Final Cut), Ridley Scott







28/07/2017 @ 10:55:21
script eseguito in 47 ms