\\ Home Page : articolo : stampa
messaggi e messaggi pubblicitari
di stefano del 31/03/2009 @ 18:22:28, in pensieri sparsi, letto 1286 volte
Università.
Alla fine di una lezione.
- Ciao - dice la ragazza con voce suadente e sensuale - studiamo assieme, da te?
- Sì - dice il ragazzo, probabilmente un nerd che non ha rapporti sessuali da eoni, già eccitatissimo - sì, però muoviamoci perché dobbiamo prendere l'autobus, poi la metro, e poi abbiamo due chilometri a piedi...
- Sì, va bene, ciao ciao! - taglia corto la ragazza, sarcastica e delusa.
Mentre la pubblicità radiofonica della Mini inizia a reclamizzare l'auto (col messaggio: Non lasciarti sfuggire l'attimo...), la ragazza si sta probabilmente gettando tra le braccia di un altro studente, con macchina, che la porterà a casa sua per spupazzarla un po', mentre il nostro nerd se ne tornerà a casa triste e mogio, facendosi i suoi chilometri di autobus, metro e biciclette e praticando solo un po' di masturbazione.

Un'altra signora dalla voce suadente parla della sua macchina molto spaziosa e flessibile (l'opel agila flexus) capace di accogliere anche un big bamboo (testuali parole), mentre un altro carica (con accento e sottolineatura) i bagagli in macchina. Una macchina molto spaziosa (è una familiare, e ci credo! questi non fanno altro che fare sesso), in cui è possibile fare tante cose. Così, al momento, non mi vengono in mente tante cose da fare in macchina, oltre a guidare e fare le code, ma la signora di prima probabilmente aveva altro in mente.

E' finita? No, perché playboy ha lanciato una nuova sezione della sua rivista, ovvero le conigliette in moto: tipe pettorute e ammiccanti che cavalcano grandi moto cazzutissime e aggressive. In tutti e tre i casi si mischiano due messaggi: compra la macchine (o la moto) con “ooohhh! ho un'irresistibile voglia di fare sesso, con te. subito! qui, dentro la macchina o sulla moto. Sì proprio con te uomo che padroneggi la macchina e guidi con aggressività e mi fai capire che sei padrone della tua vita e te ne vai sulle strade in cui non c'è mai nessuno e domini l'orizzonte!
Sì, uomo che padroneggi la macchina, voglio con te i miei figli che a loro volta, appena diciottenni, padroneggeranno la loro macchina, ma li voglio solo dopo folli notte d'amore. No! non parcheggiare la macchina nel garage! o perderai tutto il tuo appeal!
I due messaggi, nella mente dell'uomo, si mischiano e diventano: se compro la macchina faccio sesso.

Ora, questa non è la scoperta del secolo, ci mancherebbe! Ma è indubbio che, dall'altra parte, se vogliamo davvero dare vita ad una cultura che non faccia dell'automobile il solo perno della società bisognerà studiare messaggi più accattivanti di: “mi raccomando, prendete la macchina poche volte, e andate soprattutto in bicicletta, che c'è l'aria buona, si sta bene e si fa del moto. Oppure, se proprio avete bisogno della macchina e per strada la gente si sfracella e si spappola continuamente, condividete la macchina con i vostri amici, o iscrivetevi al car-sharing. Volete bene al vostro pianeta? Allora prendete il treno, freddo, sporco e in ritardo! Oppure l'autobus, ora che hanno tolto le cabine di attesa e vi abbandonano in mezzo alla strada dove un guidatore di suv che padroneggia la strada vi investirà perché stava guidando e facendo sesso con la sua donna amante contemporaneamente!”


In definitiva, tra i due messaggi: sesso, donne che ti saltano addosso, eccitanti femmine che non resistono al fascino della tua automobile e inquinamento, ghiacci che si sciolgono, code in macchina e pianeta brutto e grigio, è il primo ad avere la meglio e a conquistare la gran parte dei cittadini, oltre a dare della donna un'immagine davvero evoluta!

E' l'ora della controproposta!

Università.
Fine lezione
- Ciao - fa lei con voce calda e suadente. Si percepisce una lieve vibrazione, come se la carica sessuale potesse esplodere all'improvviso.
- Ciao - risponde lui, calmo e sicuro.
- Andiamo da te studiare? - domanda lei ansimando.
- Certo - risponde il ragazzo - dobbiamo solo aspettare che N'Dala N'Dala, il mio compagno di appartamento senegalese, passi a prenderci con la sua macchina, insieme a N'Gudu, il suo cugino superdotato.
- Ohhh - risponde lei al limite della sua resistenza - ma voi fate car-pooling?!
- Sì, tutti i giorni!
Lei gli si getta al collo, mentre una sua compagna si sta strusciando sul cannone di una bicicletta.
Dall'altra parte, su un SUV parcheggiato di traverso su una strada stretta, un ragazzo solo, ormai abbandonato da tutti e in astinenza sessuale da ormai 6 mesi, infila la canna della pistola in bocca, piangendo.
Preme il grilletto.

La macchina è insonorizzata molto bene. Nessuno sente niente.