\\ Home Page : articolo : stampa
firenze rinascimentale!
di stefano del 14/01/2006 @ 18:48:00, in viaggi, letto 942 volte
Eccolo, alla fine, il rinascimento,
la sua geometria luminescente che cerca di tracciare una linea diretta che colleghi l'uomo e la razionalità. Eppure, pur nella sua bellezza il duomo di Firenze e il campanile di Giotto, o ancora le stupefacenti geometrie di Santo Spirito, lo spazio tagliato dalle colonne del Brunelleschi, rimangono solo una delle facce di Firenze, incomprensibile senza la violenza e l'oscurità della parte più antica e primigenia della città.

La ricerca dei numeri perfetti, della verità unica e onnicomprensiva, del sistema che spieghi le più piccole particelle disperse nel nostro corpo o i più lontani quasar di sconosciute galassie, nasconde, e spesso neanche troppo, la parte più animalesca e istintiva.

Questi viaggi doppi, che corrono per le strade e tra le arterie e i neuroni, che lentamente ci uccidono con nuova sapienza sempre più insopportabile sono quelli che Hesse definiva i veri viaggi, non semplici spostamenti per turisti stanchi in cerca di una settimana di svago.
Ma la necessità di scoprire una città e quindi di lasciarsi scoprire dalle strade e dalle pietre della città. Osservarla nella sua prostituzione e prostituirsi per conoscerla.

Il viaggio non è mai facile, è fatto di sangue e sudore, bisogna accettare il rischio, anche quello di perdersi nel dedalo di strade e sensazioni, di conoscenze e paure. Ma alla fine, si scopre l'intimità delle strutture, il senso delle linee e delle disposizioni degli edifici e i monumenti, il genius loci altrimenti incomprensibile.